Appunti per una storia :di Torre le Nocelle

The library in the town of Montevergine has kept many important documents, one of which came to my attention thanks to Mr. Raffaele Pasquariello, administrator of the much praised website www.madeinirpinia.it, which contains references to Torre le Nocelle. I refer to the volume known as "Platea n.2".
 
The staff of the library was admirable in their assistance, availability, professionalism and kindness, and I cannot help but express my gratitude.


 

 

 

 

The heavy volume is a detailed inventory of the assets of the Monastery of Montevergine scattered throughout the different provinces of the South of Italy. It was drafted by Bartolomeo Cocca and completed on 26 December 1710 on behalf of the Abbot Vitantonio Pastorale. Regarding Torre le Nocelle, there are three maps present that represent the assets owned by the Abbey.

 

 

 

 

 

ll personale della Biblioteca è stato ammirevole per disponibilità, professionalità e gentilezza e non posso fare a meno di esprimere la mia gratitudine. Non posso dire altrettanto bene del personale dell'Archivio di Stato di Napoli.

Il ponderoso volume è un dettagliatissimo inventario dei beni del Monastero di Montevergine sparsi per diverse province del Sud Italia. Fu stilato da Bartolomeo Cocca e ultimato il 26 dicembre 1710 per conto dall'abate Vitantonio Pastorale. Relativamente a Torre le Nocelle sono presenti tre mappe rappresentanti tre cespiti di proprietà dell'Abbazia.

Toponomastica antica  di Torre le Nocelle

di Florindo Cirignano 

 

Versione italiana

 

Thanks to one of these documents, I came to know that for a certain period of time (between 1695 and 1780 approximately), the building that Torresi call "Oratorio" was once known as "Lo Spedale" or, the hospital. This name designated a place of hospitality for pilgrims and travelers or a place of care, according to the current meaning. I favor the latter and am sure that the Oratorio, immediately after the two large earthquakes of 1688 and 1692, served as a place of shelter and care for the wounded of those natural occurrences.
 
I am also convinced that the bones found in the basement in 1989 belonged solely to the victims of those events. It is not credible, in fact, that in this place has interred all deceased Torresi for five centuries. We must think that probably, as an emergency operation, it was a mass burial typical of grand disasters.
 
The earthquake of 1688 was an exceptionably devastating force. The Oratory was one of the few buildings not destroyed. Unfortunately, however, the church of Santa Maria dating back to 1140 was reduced to a pile of rubble. For those times the earthquake had the effect of an atomic bomb, with unprecedented devastation. Nearly 100 years later some families still lived in straw huts (as attested to by the census of 1756) and after three centuries the echo of tragedy is still handed down in tales of old...."After the earthquake of Santa Maria in Torre, there remained only two homes standing...."
 
It is plausible, then, that the few haggard survivors, like ghosts wandering through the rubble, not having any other method of transportation, carried the wounded to the only suitable place in the commune and buried the dead all together in the basement at the same time the one building was used as both hospital and morgue!
 
Another interesting comment concerned the Piazza Vittoria, with origins dated to the eighteenth century. The hill was paved (it can easily be seen from the topographic maps) and the resulting material used to enlarge the sides of Catafalco. For a century this area was known as "Avanti alla terra" and indicates the place to which the excavated earth was moved. Today it is where the Penna home is situated.
 
It is surprising and admirable the size and complexity of the urban reconstruction operation of Torre le Nocelle after the earthquake. The town was completely redesigned with the creation of the piazza and of via Sambuco (Le Cruci) and the expansion into strada Costarelle and via Padula (which is currently known as via General Rotondi). Even more surprising is when you compare it to the reconstructive efforts that took place after the 1980 earthquake. Without modern technology, without resources or contributions, and with a population that was reduced to less than 150 adults, our ancestors did something that is not even remotely comparable to what has been clumsily done in recent times.
 
The names of streets and avenues of Torre le Nocelle obey the common laws of toponymy, or rather they normally refer to:
 
1. Characteristics and conformations of the terrain, referring to orographics and hydrographics. In this category belong the names Campitelli, Campofratto, Cupa, Cisterna, Felette, Grotticelle, il Barbacano, il Pianello, la Petrara, Trampato (in reference to a steep slope?), Costarella, Pisciarella, Fontana, Vallone del Duca, Vallongello, Fontana Nuova, Le Piane, La Piana di Campoceraso, Fontana d'Agli, la Palude and Vado del Vallone.
 
2. Agricultural references: Battifoglia, Bosco La Fajana (beech), Cerreto, Chioma Melella, Ficocelle, Cupa dei Lauri, Pesco, Ormeta, Piazza dell'Olmo, Sambuco, L'Amarena, le vigne, Vesceglie, Bosco Ricciardo, and Contraga Rodogaudo.
 
3. Names associated with surnames: Casa Mundisi, Cirignano, La Massaria de Cristofari.
 
4. Names associated with buildings or other structures: Avanti la Chiesa, Avanti la Piazza, Cimitero, Torricella, Strada Piazza, Strada Campanile, Casaline, Palazzo.  
 
5.  Religious references: Santa Maria, Cappella, San Ciriaco, S. Antonio, San Mercurio, San Pietro, San Croce e Santa Croce. 
 
6. Some names are a true puzzle and it is not possible to understand either the meaning or derivation: Dapriedi, Giancali, Pesanti, Infilza Longa, Gruomorto o Ruomorto, Chiajere.
 
7. There are others of which we understand the meaning, but not why the name was given to that particular place: Catafalco, Bologna, li Maschi.
 .
 

In order to possibly make a comparison between the names of the streets we have methodically integrated the various routes that the priests took to complete the annual census. That which seems to us to be the more faithful and corrrect was the route taken by Don Vito Giovino (a grand priest, in my opinion) for the census of 1756.

 

Giro del 1726

Terra
Trinità
Ficocelle Piazza Olmo
S Maria
La Schifa
L'Ospedale
Antica Chiesa di San Ciriaco
Penitenziane
S Antonio o Nuova Chiesa di San Ciriaco
San Luca
Pianello
San Luca
Padula
Costarelle
Pianello
Costarelle
Padula
Cappella
S. Maria
Pisciarello

Trappeto
Casa Mundisi
San Croce
Fontana d'agli
Bosco Ricciardo
Strada regia
Campo Ceraso
Rodogaudo
Battifoglia
Imprati
Bosco Fajano

 

 

 

 

 

 

 

Giro del 1756   (Don Vito  Giovino  )

Terra
Venticane
Trinità
Infilsa Longo
Piazza Olmo
S. Maria
Ficocelle
La Schifa
L'Ospedale
Penitenziane
Porta Nova
Trambato
San Ciriaco o S. Antonio
San Luca
Costarelle
Cimitero
Il Pianello
San Croce
La Cappella
Sambuco
Madonna Delle Grazie, o Cerreto, Casale
Le Moline
Imprati
Taverna
Le Melelle
Palazzo o Bologna
Santa Juliana, Vesceglie o Vescegliero
Cerreto
Nantari
Fontana Nuova
Fontanelle
Pisciarella
Lo Piesco
Lupo Grasso
Grifi
Contrada Casa Mondisi
San Croce
Fontana d' Agli
Battifoglia o La Piana
Denticane o Iannulli
Contrada Chiaiora
Campocerasso
Le Versure  o Le Piane
La Ficocella di Gruno Morto

 

 

 

 

N.B.  Nella successiva tabella per "data di attestazione" intendo la data più antica da me rinvenuta in qualche documento .

Toponimo

Data di attestazione

Altre Forme

Note
Avanti il Seggio  1809 Il seggio Il Seggio, con molta probabilità, era il sedile intorno al grande tiglio, per cui dovrebbe riferirsi  all'attuale piazza .
Avanti la Chiesa 1809    
Avanti la Piazza 1809    
Battifoglia 1756   Le Piane
Bologna 1756   O Palazzo. Tra San Juliano e San Mercurio. Ma credo che si riferisse anche all'attuale contrada "Bevilacqua"
Bosco Lo Fajana 1593 Bosco Fajano,Bosco di Fasano Da Faggio. Nome attualmente  in uso come Bosco Fajano o " I Oschi".
Bosco Ricciardo 1726   Ricciardo era una famiglia presente a Torre  alla fine del 1600.
Contrada Calore 1819    
Campanile 1810    
Campitelli 1810   Sotto la contrada Pieschi. Attualmente in uso
Campofratto 1604    
Campo Ceraso 1726   Nome attualmente in uso
Cappella 1810   Sembra che all'inizio del 900 con questo nome si indicasse la via della Parula.
Casalini 1814 Casaline Nome abbastanza recente che indica tutt'ora genericamente tutto il centro storico
Casa Mundisi 1726 Casa Mondisi Verso Dentecane. Porta ancora questa denominazione
Catafalco 1812 strada Catafalco  
Cerreto 1350   Nome attualmente in uso
Chiajere  1810 Chiajore  
Chioma 1546    
Chiusa 1604    
Cimitero 1811    
Cirignano 1383   Uno dei toponimi più antichi. La cosa strana è che non compare più  nel XVI e XVII secolo, ma ricompare all'improvviso, nel XVIII, quando, oramai, da secoli nella contrada  non abitava più alcun Cirignano.
Cisterna 1815   O Felette o immediatamente dopo.
Costarella  1756  La Costarella, Costarelle
Covaroli (Covaruli) 1850   Nome attualmente in uso.
Cupa dei Lauri 1815    
Felette 1810   Nome attualmente in uso.
Ferengone 1696   Quasi sicuramente si tratta della via Fongarone che passa accanto al Ponte delle Palatelle
Ficocelle 1726   Sotto Piazza Olmo.
Fontana   ( Schifa) 1810   Idem. .
Fontananuova 1726    
Fontana d'Agli 1726   Nome attualmente in uso.
Fontanelle 1756    
Gesù Morto 1814   Storpiatura ed adattamento di Gruomorto o Ruomorto
Giancali  1819   Nome attualmente in uso.
Grancitelli 1696    
Grifi 1756   Nome attualmente in uso. .
Grotticelle 1814    
Gruno Morto 1710 Rumorto Forse  da Rivomorto. Verso Campoceraso.
Il Barbacano 1809 Varo Cacano Nelle casaline
il Pesco 1756 Piesco,Pieschi Nome attualmente in uso
Il Pianello 1709 Lo Pianello Questa via mi sta facendo impazzire. In alcuni documenti sembrerebbe collocata nel centro storico o a ridosso dell'attuale Chiesa. Solo non mi  torna  perr l'elevato numero degli abitanti.
Imprati 1756    
Infilza Longa 1756  Infilza Longo Nelle Casaline
La massaria di Cristofari 1809    
La Padula 1726 la Palude, Padule, Parula Nome attualmente in uso. Questa via è un vero enigma. Per lo più indicava l'attuale via omonima  e forse parte di via Gen.Rotondi, ma  anche  Largo sagrestia (  si nota chiaramente in una foto del 1930  una tabella posta sulla soglia della casa di Giotto Struzziero). 
La Petrara 1809    
La Schifa 1726    
La Terra 1709 Nome in uso  Rimane ancora la denominazione dellla Fontana della Terra. Una volta doveva indicare l'inizio del paese, partendo dal Nantari in su.
L' Amarena 1818    
Lamia 1820   Nome attualmente in uso.
L'Antico Casale 1696   Sembra la pubblicità di una marca di pasta, eppure si chiamava proprio cosi e se aveva questa denominazione nel 1600, possiamo immaginarci quanto effettivamente antica fosse. Catalogata a ridosso delle taverne della Strada Regia  doveva trovarsi o ai confini con   Dentecane o con Calore
Largo Sagrestia 1819    
Le Melelle 1576  La Melella   
Le Moline 1818   Li Molini  
Le Piane 1756   Attualmente in uso
Le Vigne 1818    
Le Versure 1756   Le piane
Li Moschi ( Maschi)  1809    
L'Ospedale 1726 Lo Spedale  
Lupo Grasso 1756     Era tra Piesco e Grifi
Macchie  della Corte (Macchie) 1698   Nome attualmente in uso
Macchie dei Cardilli 1819    
Madonna delle Grazie 1817   Nome attualmente in uso
Mezzipali 1810    
Monnezzaio 1816   Sembrerebbe, dalle famiglie che ci  abitavano che si trattasse dell'attuale Catafalco.
Nantari 1756   Di sicuro  origine Longobarda. Nantari era un nome diffuso tra questo popolo.
Ormeta 1714   E' l'antica  denominazione del luogo dove attualmente si trova il Campanile. Nel perduto (ahiloro!!!) Regesto dei Miracoli viene registrata  l'inaugurazione della torre, che si trovava " in fronte al cimitero". 
Palazzo 1756   Tra San Juliano e San Mercurio. Ma credo che si riferisse anche all'attuale contrada "Bevilacqua"
Pesanti 1811   Nome attualmente in uso
Piana di Campoceraso 1756   Nome attualmente in uso
Piazza dell'Olmo 1766   Nome attualmente in uso
Pietrasegata     Dalle parti di Grifi
Pisciarella  1710 Pisciariello  Tra Grifi e Cirignano
Portanova (Porta Nova) 1756   Nome attualmente in uso
Rodogaudo 1726   Di sicura origine Longobarda, dalle parti di Campoceraso
S. Apollinare 1696   Più che una contrada indicava una singola masseria.
Sambuco 1756   Via De Dominicis. Verrà cambiano agli inizi dell'800 in via L'Amarena
Sant’Antonio 1756   Nome che ha avuto vita breve. Compare abbinato a San Ciriaco. Scompare già dopo 30 anni.
San Ciriaco (L'antica Chiesa) 1726   Nelle Casaline
San Ciriaco ( La nuova Chiesa) 1726   Conviveva con via Santa Maria o per lo meno doveva stare nei paraggi.
Santa Juliana  1756 San Juliano, San Giuliano
S.  Leonardo 1691   Il nome precednte della via Cappella ( che non riesco ancora a determinare con precisione).
S. Maria delle Grazie 1140   Nome attualmente in uso. Forse la strada più antica di Torre
S.Luca 1756   Sicuramente comprendeva Largo Sagrestia , ma non riesco a comprendere fin dove proseguiva. San Luca, per un certo periodo, è stato molto venerato e lo si deduce dal fatto che Luca era un nome abbastanza diffuso tra i torresi e che  nel "Catasto Onciario"  vengono censiti alcuni beni legati al santo.
San Mercurio 1555   Nome attualmente in uso
S.Pietro 1340   Nome attualmente in uso
San Croce 1726    
Santa Croce 1756    
Strada Campanile 1812    
Strada Mannese 1756    
Strada Piazza 1810    
Strada Regia 1709   O Regia -Taverne. Probabilmente  sulla strada di Calore
Torricella 1810    
Trampato 1756   Nelle Casaline
Tre Castagni 1709   Confinante con la contrada Madonna delle Grazie in campagna
Vado del Vallone  1546    
Valloncello (Vallongello) 1809    
Vallone del Duca 1819   Nome attualmente in uso
Valloni 1820   Nome attualmente in uso
Vesceglie   1756 Vescegliero Il nome deriva dal tardo latino Vescilia ed indica i giovani  arbusti ( da cui in gergo vescegliata=frustata)  di cui si nutrivano gli animali.  Nome antecedente della contrada   Palazzo o Bologna.