Era no juorno re fino novembre e scuriava. Milio Fina steva coglienno l'aulive ncoppa l'arolo. Tanno l'aulile se coglievano una a una e se mettevano indo a lo panaro, mica coma a m ca sa usano le rezze. Come ve recevo, steva scuranno e faceva friddo. Ogni tanto careva no iusco re neve, ma Milio voleva per forza fin l'arolo per quiro juorno. Quanno fino era scuro propito. Steva scennenno ma, como fu e como non fu , se mbrogliao lo panaro inda le frasche e carivo pe terra isso e l'aulive. Nfuriato comma no toro, se addenocchiavo pe terra e a dienti stritti jastomao: - "Jesci riaolo e vieni a aun l'aulive".

Non lo fino manco re rice ca, ra le spine, asco no jattone niro, ruosso, brutto e co dui uocchi comma a lanterne. Lo povero Miliuccio s'accommigliao l'uocchi co le mano e aluccao :– "Vattenne a reto ….Vavattenne ……ca ma l'auno io…..!"