LA MESSA DEI MORTI

" Non l'avesse mai contato stu cunto si non fosse succiesso a quera  bonanima re zì Michelina, ca lo Pataterno se la pozza tené cu Isso. "
Non  avrei mai raccontato questa storia  se non fosse successo a quella buonanima di zia Michelina (che Dio la tenga in gloria).


" Za Michelina era sore a tatillo, e pe potè campà, jeva a jornata.  Na vota ivo a fatià la terra a Muntimiletto e s'arritirao ca era scuria. Tanno  non ce se metteva paura ri li mariuoli...pecchè... tanto  che te potevano arrobbà ?  Cocce re pipuli?"
Zia Michelina era sorella a mio padre e, per vivere, lavorava  a giornata. Una volta andò a prestare la suo opera a Montemiletto e si ritirò che era ormai notte. Allora non si temevano i ladri...del resto  cosa potevano rubarti mai? Teste di cazzo?


"Come stevo ricenno la bonanima se arritirao re notte e passanno annanzi a la Chiesia  pe jì a la masona,  virìo lo portone apierto". Maromè!- penzao - uoi verè ca è succiesso cacche cosa? "
Come dicevo la buonanima si ritirò tardi e, passando dinanzi alla Chiesa per andare a casa, vide il portone aperto. " Ohibò- pensò- sarà mica successo qualcosa?"


" Vottao o nanziporta , trasìo indo, se bagnao la mano co l'Acquasanta e se fece la croce.   La Chiesia  era chjena, ma non arricunuscìo a nisciuno. Tutti tenevano mano no cerogeno e ricevano l'orapronobis citto citto. Sonao la campanella e no preote stava votato re faccia a l'altare. Si  mittìo a preà puro essa"
Spinse l'uscio, entrò e si segnò con l'Acqua Benedetta.  La Chiesa era  al completo, ma lei non riconobbe alcuno. Tutti avevano una candela  e pregavano sommessamente. Suonò una campanella mentre un prete celebrava con le spalle a fedeli  Anche lei prese a pregare.


"All' andrasatta se avvicinaò uno e le ricìo :  - Cummarè che faciti qua?   nun ci putiti stà....questa non è Messa pe vui!"  
All'improvviso  si avvicinò un tale e le disse : - Comare mia  cosa fate? Qui non potete stare ...questa non è Messa per voi!

" Za Michelina se  votao e surao fredda : era  Ntuniuccio, lo compare suo,   ca era muorto quatto misi prima" .

Zia Michelina si voltò e le venne una sudata fredda: era  Antoniuccio, un suo compare morto quattro mesi avanti.

"Ascitevenne -risse cumpa Ntuniuccio- primma ca lo preote se vota ...si no stariti   sempe co nui".

" Uscite -disse il compare- uscite prima che il prete si volti o resterete sempre con noi"

 Puro si le cosce non la  tenevano, se n'ascio quatta quatta ricenno  "Refresca" a tutte l'anime ro Preatorio".   

 Malferma sulle gambe uscì alla chetichella, recitando " Requiescat" per tutte le anime del Purgatorio.