Questa è una storia fa parte del patrimonio folkloristico di gran parte della Campania ed è impossibile sapere in quale luogo sia nata. Il nome del protagonista cambia da paese a paese (Mazzamauriello, Scazzapauriello, Cazzapauriello e cosi via). Mazzapauriello faceva parte di una serie di spiritelli domestici, che a seconda delle situazioni, si mostravano dispettosi o generosi. I racconti hanno tutti un andamento simile. Anche Mazzapauriello è stato una vittima della televisione: difatti è dal tempo della comparsa dei primi video che non sento più narrare la sua storia. A Torre si diceva che fosse comparso nella masseria di Ron Duminico.

Nu viecchio campava co la mogliere inda na casa tutta scionnata e non teneva manco li sordi pe s'accattà doe lèone re cerza p'à biccià o fuoco. Pe questo li dui se 'nfocavano ammalappena co no poco re paglia. A mangià se accontentavano re menesta asciatizza e no poco re pane cò doe aulive. Non tenevano figli pecchè lo Pataterno non ce l'aveva vuluti mannà e pe loro s'appreparava propito na brutta annata. Na matina lo viecchio se scetao priesto pe berè re aunà doe fascine e, maraviglia re maraviglie, trovao la casarella tutta appuliziata e no sordo r'argiento 'ncoppa la preta re lo focoliere. Abballanno pe la cuntentezza, scetao la mogliere e, pe la prima vota roppo tanto tiempo, putierono ì a s'accattà cacche cosa pe mangià. Anzi s'accattarono puro no paro re canne re lèone seccate e treaquatto pezzotte re caso, ca mittierono a seccà 'ncoppa lo ratizzo. Lu riesto se l'astiparono sotto no matone. Alla sera ringraziarono Santo Ciriaco, lo Pataterno e la Maronna (mettennoce pure Santo Laurienzo e Runato - ca non se pote mai sapè…) pe la razia avuta. La matina appriesso trovarono nato sordo r'argiento e co quiro se fecero acconzà lo titto ca perciava e s'accattarono puro no capicuollo, ca lo teneveno nganna ra no sacco re tiempo. E accussì juorno roppo jurno lo vecchiariello trovava no sordo e, a poco a poco, s'aggarbao li cazzi sui. Na sera, però, isso e la mogliere si mittierono re posta pe berè che succerea. S'accucciarono buone'meglio e aspettarono . A mezzanotte sentierono no rumore. Ra indo la focagna ascìo n'ominicchio, piccolo, bruttulillo, scaozo e co no cappotto verde re quatto misure chiù gruosso. Quisto pigliao la scopa, appulizziao buono e meglio la stanza e prima re se ne ì lassao no sordoncoppa lo tavolo. Li viecchi arragionarono ca era peccato ca quiro steva scaozo e pensarono re ce fa, pe cumplimento, no paro re scarpe. E accussì fu,ca na sera ce prepararono na bella tavolata e mittierono vicino a lo fuculiere no bello paro re scarpe nove. A mezzanotte citto citto, ra lo cacciafumo, scinnìo Mazzapauriello, ma appena virìo le scarpe e annasolao li rui viecchi accucciati, risse: - Ah m'ita fatte le pesciole pe m'acchiappà!!!- e vottanno ai viecchi rancate re caucirognole e re sordi se ne fuìo e non tornao mai chiù.  

"Quisto cunto
ca manno ritto
se ne sale pe lo titto
se ne scenne p'a ciumminera
...abbasta ca è lo vera!?"