IL  "SUONNO"

Il "Suonno", letteralmente   il "Sonno" deve il suo nome  al fatto che l'impasto doveva dormire, cioč lievitare, per tre intere giornate e quotidianamente doveva essere rimpastato. E' una versione elaborata della "Pigna" avellinese, cioč il classico dolce pasquale  prima dell'invasione dell' odiatissima colomba industriale. Gli ingredienti differivano da famiglia a famiglia, ma era comune l'uso delle uova, farina, zucchero, lievito naturale e frutta candita e confettini di zucchero ( i minnulilli) per guarnizione.