CONTE, CANTILENE e FILASTROCCHE
raccolte da Florindo Cirignano

 

Conta Classica Torrese

Uno, lo roe, le tre cancelle
rambuscielli e rancascelle
ricci mbò mbò mbò
contatelle ca tririci sò!

 

 

Conta della puzzetta

Con la seguente conta si cercava di trovare l'anonimo colpevole di una puzzetta.

Fieto, fieto
fieto, fietillo
chi l'ha fatto
l'ha fatto quillo
e chi non lo vole rice
ca le vene na malabrice!
Brice e briciaglia
e lo monaco se taglia
e se taglia co lo rasulo
pe chi tene a peste nculo

 

Cantilena ad indovinello . Un ragazzo si  metteva curvato con la faccia in seno ad un altro che stava seduto (a mamma) , il quale gli  tiene serrati gli occhi. Un altro  ragazzo gli salta in groppa  e pone  una mano sulla testa, con alcune dita aperte  (le corna).    Colui che sta sotto deve indovinare il numero .

A lo papa a lo papa
quante corna tene a crapa???

(a risposta sbagliata, se per es.le corna fossero state  2)

.....e si avissi ritto doe
A lo papa a lo papa
quante corna tene a crapa???

Questo gioco è antichissimo.Secondo Benedetto Croce lo si può riconoscere in alcuni dipinti di Ercolano,
dove alcuni amorini sembrano praticarlo. E' il famoso gioco detto "ANCA NICOLA", registrato dal Basile già alla fine del 1500 e la cui cantilena ci è arrivata intatta fino agli anni cinquanta. "Anca Nicola, si bella e si bona e si maretata. Quante corna tiene ncapa? .... E si..... ( dice il numero vero) avisse ritto, a cavallo fusse scritto, a cavallo de lu papa: Quante corna tiene 'ncapa?

E' incredibile come una tradizione orale si sia mantenuta intatta per tanti anni!

 

Antica Conta torrese  
 
(con questa filastrocca si toccavano le dita delle mano e se l'ultimo indicato dalla conta "scrocchiava" era di buon auspicio.)

Mastantonio piripanti
piglia prune e piglia panni
panni e piglia prù
Mastantonio venne prù.

 

Filastrocca della  neve

Jocca, jocca
e Maria co la nocca
E Giovanni co lo fuso
e Maria ind' o pirtuso !

 

Filastrocca della coccinella (la volantina)

Vola vola volantina
affacciati al giardino
viri chi ce sta
e torna sùbbito qua

Sega sega Masto Ciccio
-
Si teneva un bimbo sulle ginocchia trattenendolo per i polsi,  quindi,  delicatamente, lo si mollava e tirava a se, cantilenando questa strofetta:

Sega sega Masto Ciccio
na panella e no sausicchio.
Lo sausicchio ce lo mangiamo,
la panella ce la stipamo

Conta delle dita
-
Si indicavano le dita di un bimbo in questo modo, partendo dal pollice:

Quisto rice  voglio o pane!    
Quisto rice non ce n'è!
Quisto rice valla accatta!
Quisto rice non tengo ranari!
Quisto rice  pio-pio o pane mio!

 

Cantilena della lumaca
-
Si cantava per far uscire le cosiddette corna alla lumaca.

Caccia caccia  corna
ca mammeta te scorna,
te scorna ncoppa l'astrico
pe fa lo figlio mascolo.

Questa cantilena, diffusa perfino in Francia e Spagna e antichissima. La si può trovare nel "Trattenimento Settimo" del Pentamerone di Basile.

Conta ermetica
-Conta brevissima ma di nessun  significato comprensibile.

Zù!…
andrà
sikkubà
alle belle ficucelle….
trà !

 

Filastrocca della lucciola

Campivascia campivascia
ramme 'e chiavi re la cascia
si tu la  nsierri
io la scascio.     

Filastrocca  delle vecchie

Chiove e esce o sole
tutte e vecchie fanno all'amore,
fanno all'amore co e tijane,
tutte e vecchie so ruffiane.