Questo straordinario libretto contiene il copione di 3 parti femminili di 3 commedie differenti:
1) Due vecchi imbrogliati da quattro  innamorate con Pulcinella; 2)La donna di sette lingue o L'anello magico con Pulcinella; 3) Il discolo ravveduto.
Il manoscritto risalente alla fine del XIX secolo. E' scritto con tre grafie diverse, il che farebbe pensare che le tre parti siano state interpretate da tre persone diverse...ma rigorosamente uomini. Alla fine del manoscritto c' una lettera scritta da un anonimo ad un suo cognato  lontano,   a cui  questo libretto sembrerebbe  sia stato inviato per farne una copia. Si fa riferimento ad una causa nel  tribunale di Avellino,  dove la madre  del destinatario era stata chiamata come testimone  nel procedimento di Domenico Cefalo.
Interessante, a questo punto, sarebbe capire se queste opere siano autoctone o copie di altri lavori. Non certo entrerebbero di diritto nella storia della letteratura italiana, ma, comunque, si tratterebbe sempre di una forma rudimentale di commedia dell'arte nostrana. In ogni caso sta a dimostrare il grande amore dei torresi per il teatro.
Da notare anche i due schizzi alla fine: Uno rappresenta un fregio araldico e mi viene il sospetto che sia opera di uno scalpellino; nel secondo sono riconoscibili la chiesa ed il campanile: E' indubbio che si tratta di Torre, solo che nel disegno, pur corretto nella prospettiva, mancano le due case a destra della chiesa. Inoltre sul tetto, dove ora c' una croce, schizzato qualcosa simile ad un angelo o ad una banderuola. Non sembra pura fantasia,in quanto l'autore ha curato abbastanza bene i dettagli dell'edificio sacro.

 

Commedie

come-001.jpg

come-002.jpg

come-003.jpg

come-004.jpg

come-005.jpg

come-006.jpg

come-007.jpg

come-008.jpg

come-009.jpg

come-010.jpg

come-011.jpg

come-012.jpg

come-013.jpg

come-014.jpg

come-015.jpg

come-016.jpg

come-017.jpg

come-018.jpg

come-019.jpg

come-020.jpg

come-021.jpg

come-022.jpg

come-023.jpg

comae.jpg

comae1.jpg