E' nata l'Associazione Culturale Torrese "Nessun Dorma".

 

 
 

Forse era scritto nel "Gran Libro dei Mutamenti" di Torre le Nocelle.
Forse, più semplicemente, era  giunta l'ora: il risveglio dopo  il grande sonno durato  un tempo infinito. 
Sta di fatto che un granello di sabbia, finalmente,  si è staccato dagli altri  dalla  perversa duna dell'indifferenza, dove un vento maligno li aveva  aver accumulato nell’arco degli ultimi decenni ed è rotolato giù, senza far rumore, ma trascinando per la china,  lungo la corsa, altri granelli .

L’Associazione Culturale “Nessun Dorma” conta già  una quarantina di ragazze e ragazzi che  si sono accumunati  con l’intento di promuovere manifestazioni teatrali, cinematografiche, letterali, sportive e ricreative  a Torre le Nocelle, con la speranza di strappare   i ragazzi di questo paese da un destino che riserva loro solo solitudine, pettegolezzi, partite a carte e tanta frustrazione.    
L’Associazione si propone, inoltre, di promuovere una "buona immagine" di Torre le Nocelle, tramite dibattiti, convegni, manifestazioni  ed iniziative mirate.  
Il direttivo del gruppo, quattro ragazze ed un ragazzo (buon segno!), ha stilato un calendario di eventi, programmandone alcuni solo nel momento in cui verrà data alla sede ( i locali sottostanti al Comune)  una parvenza di decenza, tale da essere adatta a ricevere degnamente  personalità del mondo accademico e letterario che hanno già hanno confermato una  loro disponibilità.
Del resto solo le persone di cultura possono sposare (gratuitamente)  cause nobili, dove la materia del contendere  è l’anima e la mente e non il potere ed il denaro.

La prima manifestazione è stata una festa di Halloween per i più piccoli.
Una baraonda di streghette, fantasmini ed orchetti che sono stati  intrattenuti da una decina di pazientissimi animatori, i quali  hanno provveduto che si divertissero  divertire  in compagnia per un intero pomeriggio.

Auguri ragazzi! Se son rose fioriranno!  Continuate a “fare”, sempre con entusiasmo,  perché qualsiasi cosa facciate sarà sempre più del niente, nel quale per anni siete stati costretti.
Non fatevi né strumentalizzare né manipolare, usate la vostra testa e la vostra immaginazione e, soprattutto, mandate a fare in culo senza pietà coloro che, non avendo mai fatto niente nella propria vita, vorrebbero giudicarvi, pontificando dall’alto della propria inutilità.