Mario Fina

 

Mario Fina, insegnante, uomo politico, scrittore e poeta è nato a Torre ma è vissuto per lungo tempo a Roma, dove ha composto  i versi che di seguito riportiamo,

E' stato sindaco di Torre le Nocelle negli anni ottanta.

Ha scritto il romanzo dal titolo  "Sheila figlia di Dio" e  una raccolta di poesie in dialetto romanesco dal titolo “ Finestre sul Tevere” che hanno incontrato  un'ottima accoglienza negli ambienti letterali capitoli, tanto che  i suoi versi sono stati recitati dal grandissimo Aldo Fabrizio.

Spirito assai inquieto, come una rondine, ritorna costantemente al suo paese, dove  spesso  si concede un tressette  al bar con i vecchi amici.

 

 

L’otorità der Sindaco

 

Er Sindaco de Roma è ’n padreterno

che te manna e comanna a mmodo suo:

po' ffa' l'istate a tutti ma l’inverno

si nun je ggíra lo po' fallo tuo.

 

Lui te fa parte de la trinìtà',

San Pietro er Quirinale e er Campidojo,

che a Roma cìànno tant'otorità,

che ponno prenne' e dda senza 'n imbrojo.

 

Anzi quell'antri dua so` ppoi costretti,

si passen'ín Città', come burini,

a ingoiasse ogni vvorta discorsetti

che lui je fa com’a du' pelegrini.

 

Cià er posto fisso pè ' ste ridunate:

riceve sempre er Capo de lo Stato

dennanzi ar mare de le scalinate

der Mitignoto, e ppoi che cià tappato

 

co' questo la Receli com'un neo,

te nfratta er Santo Padre e li Primate

in fonno a via de li Fori, ar coliseo,

come farebbe ar posto suo un bon frate.

 

 

 

Artigiano der mare

 

E’ notte all’occhi mia de pescatore

Vecchio de stenti e de fatighe amare

So’ steso ar sole pè pià’er tepore

Come no straccio messo ad asciugare,

 

ciò la testa poggiata  a’n sercio piano

c’ho tròvo ner tastà l’erba der prato

mentre a l’orecchie  tengo con  le mano

‘na conchija nodosa p’ogni lato.

 

Cusì te sento annà ‘e vienì’ un gran fiume

de flutti inquieti, ma tanto vicino

da sentimme bagnato da le schiume

che vann’a rompè addosso er paranzino.

 

edrento ciò na musica e ‘nabbaglio

p’er sangue che me sbatte in de le sponde

ma più me sbatte er core come maglio

e più m’insògno cacce in de le onde,

 

M’insogno tante lotte immezzo ar vento

C’abbotava la vela da scoppià’,

lassannome ‘gni vorta più contento

de riposamme pè riannà a pescà’,

 

e un desiderio me confonn er core,

me fa più giovenile e baldanzoso,

me mett’addosso come un friccicore

che mme fa dorce e bello ‘sto riposo.

 

E più me sferza ‘sto vento salato,

più callo er foco brucia ne le vene

come un bisogno d’esse’ riscattato

da le miserie umane e da le pene:

 

e più deppiù mo m’arde  ne la mente

un desiderio ch’è sortanto mio

e me stà provocanno dolcemente

‘na rinfrescante sete der mi’ Dio.

 

 

 

La verità

 

Se dice ch'er segreto de la vita

te sta ‘nniscosto in fonn’a la coscenza

come 'n seme c’aspetta che le dita

de la tua mano ne fanno semenza.

 

Prima che la giornata sia finita

bisogna mette’ 'n pratica la scenza

in modo che ce sia racconsentita

puro a noi poverelli conoscenza.

 

Perciò te metti "n giro pe’la notte a cerca`

er seme ne l'oscurità

indove ce ricavi tante bbotte

 

contro li muri de la cecità,

finché lo trovi chìus’in de `na botte

e te ciaccorgi ch'è è  la verità.

 

 

23 novembre 1980

 

Trema la terra dei lupi improvvisamente, violentemente,

ìn un fragore dì guerra

ed il buio accresce

nella mente

il rimbombo del tuono.

Trema la casa e la famiglia

nel buio e nella paura,

tra folgori di cielo asciutto

e trema la coscienza

in un grande stupore infantile

Improvvisamente

dopo l'ultimo colpo di maglio

è  finita.

Gli occhi spalancati

nella polvere e nella notte,

mentre il pensiero

alimenta il coraggio e la forza

per contare e seppellire

ì nostri morti.

 

 

 


 

Cittadino operaio

 

La polvere del cantiere

e' sempre più secca e pungente

nella mia gola

ed il mantice stanco dei miei polmoni

lotta,

con colpì violenti dì tosse,

contro il male che incalza,

per ore e ore, giorno dopo giorno,

fino al suono della sirena.

E lievemente asciuga il vento

il sudore acre

sulla schiena dolorante

e le sensazioni gelide

annunciano il bisogno di riposo e di calore

per rompere la mia volontà.

La casa mi accoglie

aggressiva, sera dopo sera,

e spara i suoi problemi

come proiettili dì pietra,

per rompere la mia volontà.

La società mi domina

impietosa

rifiutandomi il necessario

per rompere la mia volontà.

Ma io avanzo nel tempo

forzando le ossa e il respiro

senza rancori

forgiando nel fuoco dell'anima

l'arma dello spirito

più resistente delle fatiche,

più forte delle malattie e dei sacrifici,

più potente del denaro e della società

per alimentare la mia volontà.

 

Marìo FINA