Artisti ed artigiani  di Torre le Nocelle

Home  |   Torresi illustri  |   Storia   |   San Ciriaco  |   Artisti & artigiani   |  Contatti


 

 

 

Ettore Bianchino

     
 

Fantasia

 

Abbascio addò Spangiello

Hanno visto a Tummoniello

Ca sciarriava co' Ngicchiello.

Corre subbeto Marruchiello

E avvisa a Rimitiello

Ch' assieme a Tricchiciello

Se portano puro  a Tingicappiello.

Qua succere nu maciello!

Ma arriva ‘o paciere Sabbatiello

E tutto finisce a Sarachiello.

Ietta ‘o banno Varricchiello

Ca ‘o sente pure Cifariello.

"E’ cosa ‘e niente", rice Mariniello.

Allora tutti addo Ciccariello

A fa nu bello pranzitiello.

Afflitto e scunsulato Coperchiello

È rimasto sulo co’ Cirasiello.

 

 

Satira

 

E’ nata proprio sciarratara

Ma non è Nannina a’ Peretara.

Pe’ niente le piglia ‘a stizza:

se chiama Michelina Cecalapizza,

che quanno ra a casa esce

passa pe’nanzi a Ciacoriesce,

alluccano fino a Ciacorescesce.

Se ‘ncazza Marcoffio Ind’a Luna:

“ma la vuoi finì ca è già l’una?”.

“Non me fotte “ rice essa

E subbeto Rienzo re Zompessa

“Ma chi è sta bona fessa?”.

E l’accompagna ra Ndonio re Moccone,

quanno s’affaccia ‘o dottor Ndorzone.

Dice “ portatela addo ron Pasquale,

quiro cura ogni male”.

“No! A sta migliavacca

A portammo addo Capibaracca

E se vole fa l’eroe

La portamo pure addo Caporeove”.

Intervene pure Farmasone

Quiro ca ‘o chiamano Bertone

E avvisa Arminio re Tezzone

ca tenenno no ruosso bastone

Mena taccarate a la cecata

Ca ncoglie puro a Arilina la Mbeciata .

“ Ma quisto è proprio no cazzo!”

Rice tosto  o viecchio Mostazzo.

E chi è sto volgare Signorino?

E’ ‘o zio e Marocchino,

quiro che abita vicino addo Cambione,

proprio re fronte a Ndonio re Zizone.

Mo passammo a nata storiella.

‘A racconta Maria ‘e Nduniella

Ca parla co Zucamennella

La mamma re Mozzarella,

ca vene nzurdata pe’ tutto ‘o mese

ra quiro cavolo ro ‘o Francese:

“ E chi è sto Mascarzone?

O ‘ figlio re Senzapermone

Sarebbe ‘o iennero ro ‘o Chiattillo

Ca mette ncroce pure a Donpipillo.

E se ‘ncammina come ‘a ‘na quaglia

E trova a Erzilia e Sacco re Paglia.

“ Che è succiesso a ‘sta Nennella’”.

“No , io so  Zucamennella!

Manno fatto no tuorto

E mannaggia a chilammuorto”.

“Ma chi è stato sto trappano?

Forse Ciccio re Catapano?

E' stato figliemo, Barbettone

Ca nzieme a ‘ o figlio re Piscione,

manno rutto setazzo e scauzillo

ca' era no ricordo re Tunzillo.

Perciò m’è venuto no male a l’aorte

E aggio fata a fine r’Amalia l’Aorpe.

Buon divertimento dal buontempone

Ittiruccio re Senzapermone.

 

 
     
                 

© COPYRIGHT 2001/2012 ALL RIGHTS RESERVED ETNIKO